home
Concorsi
studio
servizi
progetti
contatti

MUSEO DELLA SETA - FILATOIO DI CARAGLIO (CN)


 

Il progetto museale è stato incentrato sul recupero archeologico dei locali e sul reinserimento di due dei quattro mulini presenti alla fase d’impianto dell’edificio (1678). I torcitoi, ricostruiti fedelmente, sono perfettamente funzionanti, identici a quelli seicenteschi della primitiva installazione, e in grado di produrre il prezioso organzino col quale furono confezionate le stoffe per gli arredi delle principali corti europee. I macchinari, oggi come allora, sono mossi ciascuno da una ruota idraulica in legno, entrambe ricostruite e ricollocate nelle loro sedi originarie al piano scantinato. Nella ricostruzione, accanto ai due torcitoi completi, compaiono gli altri tre alberi di rotazione e l’incastellatura esterna delle altre due macchine presenti all’interno del locale torcitoio, a individuarne posizione ed ingombro. Gli alberi di rotazione sono stati utilizzati come supporto per i pannelli espositivi che illustrano il funzionamento dei macchinari e la dotazione tecnologica della fabbrica nelle varie epoche.

È stato recuperato anche il piano scantinato al di sotto del torcitoio, denominato in antico baratone, dove anticamente erano collocate le ruote idrauliche che davano il moto ai soprastanti mulini da seta. Una campagna di scavi condotta con criterio archeologico ha permesso di riportare alla luce i resti delle antiche vasche di alloggiamento delle ruote, nonché l’intero sistema di canalizzazioni. Successivamente, sono stati recuperati e restaurati anche gli ambienti al terzo piano, denominato in antico incannatoio, dove erano collocate varie tipologie di macchine necessarie per eseguire lavorazioni antecedenti e intermedie alle operazioni di torcitura.

 



Studio tecnico Arch. Alessandro Mellano - Corso Nizza, 42 - 12100 Cuneo - P.IVA 02586580041 - © Edited and Maintained by Nahweb.net -